Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog

 

Il Paese Basco nel mirino

Il governo francese considera il Paese Basco, artificialmente diviso fra lo Stato spagnolo e quello francese, con il più estremo sospetto.Il ministro dell'Interno. Manuel Valls, respinge l'idea della creazione di una collettività territoriale basca in Francia, che per lui rappresenterebbe una concessione all'ETA, nonostante che la maggioranza degli eletti, di ogni parte politica, sia invece favorevole.

La militante basca, di cittadinanza francese, Aurore Martin, è stata arrestata dalla gendarmeria e consegnata alla polizia spagnola. La Spagna aveva emesso un Mandato di cattura europeo nei suoi confronti per appartenenza a Batasuna, movimento illegale in Spagna, ma legale in Francia. Questo arresto ha inoltre provocato la collera degli eletti del Paese Basco.

Nel momento in cui l'ETA ha rinunciato alla violenza e le elezioni locali nel Paese Basco sotto amministrazione spagnola si sono svolte senza alcuna violenza, ciò rappresenta un bruttissimo segnale indirizzato ai Baschi da parte delle autorità francesi.

Il governo spagnolo costretto a confrontarsi con l'ascesa dell'indipendentismo nel Paese Basco e in Catalogna si innervosisce e il governo francese si preoccupa visibilmente per le possibili ricadute sul suo territorio.

Il Partito della Nazione Occitana è favorevole alla creazione di una collettività territoriale nel Paese Basco “francese” e per quanto riguarda i Catalani  nella Catalogna del Nord sotto amministrazione francese. Verrà il giorno in cui la Catalogna e il Paese Basco dello Stato spagnolo saranno indipendenti e allora queste collettività potranno manifestare la loro vocazione a riunirsi ad esse. Senza offesa per le affermazioni del nostro ministro degli Interni che attizza l'incendio che pretende di combattere.

Il Partito della Nazione Occitana si associa a tutte le voci che si alzano per reclamare il ritorno dalla Spagna di Aurore Martin il cui solo delitto è un delitto d'opinione.

3 novembre 2012
Tag(s) : #Comunicato ( Ita )